Le Case dell'Arcobaleno
Vita di comunità

La Comunità "L'Arcobaleno" vive in una struttura costituita attualmente da una parte residenziale, in cui la convivenza si basa su un modello familiare, e da un centro diurno, in cui si svolgono attività creative e lavorative.

In Casa

In ogni Casa vivono, durante tutto l'anno, sei o sette persone con disabilità mentale insieme ad educatori e a volontari. Si lavora insieme in laboratorio e insieme si esce a vivere altre esperienze. La vita nella Casa è quella di una grande famiglia in cui tutti apportano il loro contributo. Quando è festa si fanno uscite di gruppo, si vanno a trovare gli amici vicini, quelli del paese e della parrocchia. Le persone disabili trascorrono, quando è possibile, un week-end al mese a casa dai familiari o da amici che sostengono la vita comunitaria. Durante la chiusura del Laboratorio le persone che non possono rientrare in famiglia e coloro che non hanno più famiglia possono andare in vacanza o restare in comunità. Ciascun amica/o disabile segue un suo percorso personale accompagnato non solo dall'affetto ma anche dalla competenza di un'equipe di educatori che, con la supervisione di professionisti esterni e la collaborazione di volontari, si prende cura di lei/lui

Le nostre relazioni

La comunità de "L'Arcobaleno" desidera essere una presenza partecipe della vita del territorio per condividere il più possibile, con le persone che lo abitano, i momenti di incontro che nascono dalle varie situazioni e realtà come i nostri mercoledì, quando ci riuniamo nella cappella della comunità per la celebrazione della messa. Il nostro invito è aperto a tutti e chi lo desidera può raggiungerci alle 18.30 di tutti i mercoledì.
L'accoglienza è infatti per noi una pratica fondamentale della comunità stessa perché permette di aprirsi e di condividere la ricchezza della quotidianità all'Arca con le persone che passano, amici, visitatori, vicini... Si è creata così un'intensa frequentazione con i nostri compaesani di Quarto Inferiore che non mancano mai di ravvivare i nostri momenti importanti. Accade poi che la vita della comunità sia segnata dagli arrivi e dalle partenze di molti assistenti e amici.

Alcuni si fermano e mettono le proprie radici, altri continuano il loro cammino fuori dalla comunità, portando là dove vivono ciò che hanno scoperto nella vita all'Arca. Tuttavia ogni persona è unica e unica è la sua amicizia. Non ci si "abitua" al passaggio delle persone...ognuno segna con il dono della sua presenza la storia della comunità. Per questo l'accoglienza di nuovi assistenti e amici avviene con gradualità e con molta delicatezza nei riguardi delle persone che compongono la comunità affinché queste possano conoscerlo e viceversa; con la stessa cura e attenzione si preparano anche le partenze, nella costante consapevolezza che la relazione con ciascuno è unica e che ciascuno ha il diritto di seguire il proprio cammino

 
L'Arca Italia Onlus Via Ancona 1 00043 Ciampino (RM)